la regina dal cuore d'oro - Raffaella Vaccari

Vai ai contenuti

Menu principale:

opere
 

performance di Raffaella Vaccari e Dina Polidori
con Isabella Ferlini e Debora Ricciardi



Marzo 2011 - Manifesta il lavoro delle donne- Rimini, Palazzo del Podestà

“ ..chi si mette in cerca del proprio talento finirà per trovare anche l’amore” (Massimo Gramellini) 
perché “l’amore è la forza potente che ti attrae verso tutto ciò che temi o speri all’infuori di te.” (Percy Bysshe Shelley)

Questa performance è stata realizzata in collaborazione con Dina Polidori. Prende ispirazione dalla fiaba “ la regina dal cuore d’oro”, una fiaba scritta per Dina Polidori nel 2008 dal suo ex fidanzato. Essa ha reso palesi delle idee che facevano parte da sempre del suo essere ed ha lasciato indelebili tracce nella sua esistenza.
“Non sempre ciò che ci ha attraversati ha lasciato delle tracce in noi, non tutto è stato significante ma se riflettiamo, ci accorgiamo che il nostro corpo si è intinto ed ora ha un nuovo colore.” (dal tema della mostra)
Davanti alla video installazione realizzata per la mostra "Manifesta il lavoro delle donne" si è svolta la performance.
La video installazione era composta da un dipinto polimaterico di Dina Polidori di misura cm. 100 X 100, e da uno specchio posizionato sul pavimento con sopra una corona da regina. Affianco a questo specchio con corona veniva proiettato a pavimento un video con immagini e suoni della natura e in sovraimpressione le scritte che narrano la fiaba della regina dal cuore d’oro. Una serie di fili realizzati con della stoffa erano stati legati davanti al dipinto appeso nel vuoto della sala buia. I fili rendevano impossibile avvinarsi troppo al dipinto e la visione dello stesso era da essi resa difficile.
La domenica successiva alla vernice all’inizio della performance i fili sono stati tagliati da Isabella Ferlini. Debora Ricciardi ha letto la fiaba camminando a piedi nudi attorno all'installazione. Poi ha spezzato il foglio in cui vi era scritta la fiaba in piccoli pezzi lasciandoli cadere sullo specchio. Isabella Ferlini in finale ha cosparso il suo abito di colore oro. 
La performance è un momento catartico che sta a simboleggiare il cambio di stato raggiunto dopo questa esperienza. La fiaba viene così esorcizzata rendendo possibile la continuazione della vita reale.
Il fatto poi che il legame si sia spezzato nella realtà ha reso possibile affermare che ogni esperienza, anche quella più negativa ci lascia qualcosa; soltanto continuando a coltivare il proprio sogno alla fine si amerà sempre ciò che si trova lungo il cammino. 

Raffaella Vaccari
marzo 2011

fotografie di Alessandro Giampaoli
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu